skip to Main Content

Frosinone, Fit-Cisl Lazio: “Integrazione linee bus già servite da Cotral è scelta miope, collaborazione pubblico-privato renda il Tpl più capillare”

Frosinone, Fit-Cisl Lazio:  “Integrazione Linee Bus Già Servite Da Cotral è Scelta Miope, Collaborazione Pubblico-privato Renda Il Tpl Più Capillare”

“Hanno preso il via oggi due servizi integrativi all’offerta pubblica per il trasporto pubblico locale, che prevedono il potenziamento, tramite l’ingresso di un partner privato, delle linee bus Fiuggi-Frosinone stazione Fs e Fiuggi-Anagni Fs, e un sistema di bigliettazione integrale treno-Tpl. Per parte nostra, non comprendiamo perché la Regione Lazio abbia sostenuto l’integrazione di linee già esistenti e servite abbondantemente da Cotral, invece di far sì le aziende private servano territori in questo momento scarsamente connessi, e bisognosi di un’efficiente rete Tpl”.E’quanto si legge in una nota di Massimo Iori e Rocco Valentini, rispettivamente segretario e coordinatore provinali di Cotral per il presidio di Frosinone della Fit-Cisl del Lazio, in cui si aggiunge che “al di là della valorizzazione della corrispondenza con i treni veloci, che, lo ribadiamo, è già garantita da Cotral, il territorio ha altre esigenze di interconnessione, che, in attesa del piano di rete per la redistribuzione dei chilometri di Cotral, da completare entro il 2023, potrebbero essere soddisfatte dalle aziende private. Tante, troppe zone del frusinate, come anche in Valcomino, attendono ancora di essere servite da una rete efficiente di Tpl, che non esiste, mentre si potenziano e si integrano linee già esistenti. Riteniamo quindi miope che, in un periodo di crisi del trasporto pubblico, si sostenga un progetto di integrazione su linee già esistenti, senza invece fare in modo che la collaborazione tra pubblico e privato porti alla garanzia di una rete più capillare di servizi. I cittadini del territorio hanno bisogno di una rete trasportistica di ampio raggio, e non di poche zone fin troppo servite, mentre altre sono abbandonate a se stesse”.

Back To Top