skip to Main Content

Alitalia, sindacati Lazio: “Attenzione alta su trasporto aereo e nazionalizzazione azienda”

Alitalia, Sindacati Lazio: “Attenzione Alta Su Trasporto Aereo E Nazionalizzazione Azienda”

 “Ne va di oltre 40mila lavoratori nella nostra regione”                    

 

“Su Roma e il Lazio insiste gran parte del traffico aereo nazionale e dei dipendenti, pertanto la nostra attenzione è, ora più che mai, alta. Sul territorio abbiamo più di 40mila occupati, e ci aspettiamo che la Regione faccia la sua parte promuovendo azioni concrete a sostegno di un comparto che sta pagando questa crisi a carissimo prezzo. Abbiamo inoltre ascoltato con stupore le teorie di un piano di lavoro che il Commissario di Alitalia Leogrande ha rappresentato nel corso della audizione alla Camera dei Deputati ai componenti della commissione.
Evidentemente il Commissario, giurista esperto di diritto fallimentare e non di trasporto aereo, da responsabile della gestione commissariale, progetta teorie e un riassetto societario della compagnia tralasciando le linee guida tracciate dal Governo.
Il contesto emergenziale in cui viviamo a causa della pandemia ha ridotto sensibilmente il traffico aereo a livello mondiale e annullato le asimmetrie concorrenziali di mercato tra vettori, una nuova fase industriale e politica è necessaria per sostenere anche la re-centralizzazione delle attività strategiche del nostro Paese, inclusa Alitalia, che deve rimanere sotto il controllo della mano pubblica.
Le azioni di sostegno economico messe in campo dagli stati esteri e le scelte industriali dei competitor internazionali, ora più che mai obbligano la Politica di questo Paese a prendersi carico e cura di un asse produttivo estremamente strategico, che da troppo tempo è stato abbondonato.
La nazionalizzazione di Alitalia, contestualmente al riordino del settore, dovrà assume valenza imprenditoriale in ragione di questo nuovo quadro di mercato e per la ripartenza, dovrà farsi trovare strutturata e dotata di un vero piano industriale, nonché di un management qualificato per competere in un mercato sempre più aggressivo e competitivo.
Il Commissario di Alitalia dovrebbe sostenere e sensibilizzare le istituzioni a far presto e promuovere politiche di investimento equivalenti a quelle messe a disposizione da altri stati in favore delle proprie compagnie aeree e progettare la nuova società “newco” inclusiva di tutti i segmenti industriali patrimonio della società, al fine di preservare l’attività di mercato della compagnia, implicando una riflessione sul Cargo e tutelando e non disperdendo altre professionalità esistenti.
Confidiamo nel Commissario, che saprà cogliere le opportunità suggeritegli e riconsiderare tali inique posizioni, preservando obiettivi e comuni interessi e collaborare con i corpi intermedi della società”.
Così in una nota di Filt-CGIL di Roma e Lazio, Fit-CISL Lazio e UilTrasporti Lazio.

Back To Top